Blog Scenografia // Decorazione //

info@scuolesancarlo.org Iscriviti ai Feed RSS di Scuole San Carlo

Piccola Accademia

Parte ad ottobre 2011 un nuovo biennio della PICCOLA ACCADEMIA DEL TEATRO RAGAZZI E DELL’ANIMAZIONE, percorso biennale pe giovani leve artistiche con specifica vocazione al settore del teatro per ragazzi e all’animazione teatrale.  Per iscrizioni: inviare richiesta di partecipazione e curriculum a mail@fondazionetrg.it .

A partire da quest’anno, alcuni moduli teorico-pratici del 2° anno, saranno attivati in collaborazione con la nostra sede di Torino dell’Ass. Scuole Tecniche San Carlo.

Scarica il programma in formato .pdf

La Piccola Accademia è un Percorso bienna le
per giovani leve artistiche con specifica vocazione
al settore del teatro per ragazzi e all’animazione
teatrale dove il sapere teorico incontra il mondo
della professione teatrale, condizione primaria
affinché i contenuti dell’insegnamento siano posti
in più stretta relazione con le esigenze del mondo
del lavoro.La Piccola Accademia è un Percorso bienna le

per giovani leve artistiche con specifica vocazione

al settore del teatro per ragazzi e all’animazione

teatrale dove il sapere teorico incontra il mondo

della professione teatrale, condizione primaria

affinché i contenuti dell’insegnamento siano posti

in più stretta relazione con le esigenze del mondo

del lavoro.

volevo_fare_fiore

INVITO-Volevofareilfiore

Ecco l’invito ad assistere all’allestimento finale degli allievi della Piccola Accademia del Teatro Ragazzi e dell’Animazione del percorso che sta per terminare.

Ricordiamo che dal prossimo anno, il corso di scenografia delle Scuole S.Carlo di Torino sarà attivamente coinvolto nelle attività didattiche della Piccola Accademia.

29 e 30 giugno alle ore 21.00 alla Casa del Teatro

“VOLEVO FARE IL FIORE”

Ingresso libero

Titono Carrara

Titino Carrara - regia

E’ con grandissimo piacere che vi invitiamo tutti alla prima nazionale dello spettacolo Garibaldi Fufferito, il 10 Giugno a Settimo Torinese e l’11 Giugno a Caraglio.

E’ stata una bellissima collaborazione tre la compagnia Santibriganti Teatro ed il corso per Tecnico Costruzione Scenografie Teatrali e Cinematografiche, tenutosi presso la nostra sede di Torino dell’Associazione Scuole Tecniche San Carlo durante la quale abbiamo realizzato il palco smontabile che sarà di volta in volta allenstito nelle piazze e nei teatri.

Per maggiori dettagli potete leggere l’articolo relativo pubblicato nell’ultimo numero di Capo d’Opera.

L’ingresso è libero e speriamo che accorriate numerosi.

SANTIBRIGANTI TEATRO

presenta

Stagione teatrale 2010/2011 – ottobre/giugno – Ballate di poveri cristi – 150 anni di

TEATRO GARYBALDI

Via Garibaldi 4 Settimo Torinese (TO)

con il sostegno della Città di Settimo Torinese-Assessorato alla Cultura, FondazionECM,

Compagnia di San Paolo nell’ambito dell’edizione 2010 del Bando “Arti Sceniche in Compagnia”,

con il contributo della Fondazione CRT

Venerdì 10 giugno 2011 ore 21.30 piazza Campidoglio di Settimo Torinese (Torino)

Sabato 11 giugno 2011 ore 21.30 Il Filatoio via Matteotti 40 Caraglio (Cuneo)

Titino Carrara / Santibriganti Teatro anteprime nazionali

Garibaldi fufferito

una spedizione teatrale nelle terre d’Italia

progetto di Titino Carrara e Mauro Piombo

drammaturgia Michela Marelli e Titino Carrara, direzione canti Paolo Mosele

scene e luci Marco Ferrero, tecnico di scena Nicola Rosboch

consulenza al progetto scenografico Lucio Diana

costumi Atelier Enrica Daidone

con Titino Carrara, Fabio Bisogni, Cecilia Bozzolini, Costanza Maria Frola, Valentina Pollani, Fulvia Romeo

maschere Franco Leita

illustrazioni: Mara Aghem

scenografia realizzata con il contributo dell’Associazione Scuole Tecniche San Carlo – Torino

aiuto regia Giorgia Antonelli

regia Titino Carrara

produzione Santibriganti Teatro

coproduzione Asti Teatro

in collaborazione con La Piccionaia/I Carrara TSI (Vicenza)

con il sostegno della Regione Piemonte/Bando Italia 150

con il contributo della Città di Settimo Torinese/FondazionECM

La sera del 5 maggio 1860 i due vapori Piemonte e Lombardo, carichi di volontari male armati, privi di munizioni e di polvere da sparo, ma carichi di storie, salpano dallo scoglio di Quarto e puntano la costa siciliana.

GaribaldiFufferito racconta l’epopea dei Mille, il viaggio che conduce all’Italia unita: Mille che disegnano tante realtà, culture e paesi, un brandello di storia di un’Italia divisa che si unisce per un’impresa disperata attorno alla forte identità dell’Eroe dei Due Mondi.

In viaggio fra Italie e Italiani.

Dàghela avanti un passo.

Non uno spettacolo di pura rievocazione storica, ma un evento di Teatro Popolare Contemporaneo, capace di arrivare allo spettatore di ogni ordine e grado, mescolando le lingue, i dialetti, le musiche e le tradizioni di tanti brandelli di una Italia disunita.

Storia e tradizione, realtà e mito impastati in una sorta di musicalità linguistica là dove non esiste neppure una unità d’Italia: i dialetti per raccontare, cantare e vivere le storie di tanti piccoli eroi che si confrontano con la grandezza del racconto.

Una immagine viva di ieri per una scommessa teatrale di oggi.

Un modo nuovo quanto antico di ricreare un’occasione appassionante, sui toni di uno spettacolo dove tradizione e innovazione si coniugano sul “terreno della Piazza”: luogo da sempre di incontro – scontro fra teatro e il suo pubblico, da sempre antagonista – protagonista della storia.

Cosa ci può suggerire ancora il Generale, dall’alto dei suoi monumenti, nelle piazze, lungo le strade?

Lui veglia, tranquillo, ora a cavallo, ora appoggiato alla spada, ora avvolto nel suo poncho a proteggere l’intera nazione.

Di Lui si racconta … e l’eroe popolare si misura con la popolarità del racconto: Lui è azione, motore, metafora del desiderio dell’uomo di cimentarsi nell’intrapresa; i Mille sono altrettanti spunti per un pensiero, una congettura di messa in scena al confine tra realtà contemporanea e mito.

Titino Carrara è erede di decima generazione della Famiglia d’Arte “I Carrara”. Nato e cresciuto nel “Carro di Tespi” del padre Tommaso, capocomico, del nonno Armando e della madre Argia, oggi è direttore artistico, raffinato attore e regista della Piccionaia – Teatro Stabile d’Innovazione di Vicenza, è depositario di una civiltà teatrale scalcinata e affamata che ha allevato in Italia artisti di valore indimenticato.

La storia e la magia del Teatro Viaggiante

Le cronache delle compagnie teatrali “all’antica Italiana” raccontano la grande abilità dei capocomici di elaborare e trasformare il repertorio, plasmandolo sul pubblico e sulle occasioni.

I “Teatri Mobili” (… Carri di Tespi) erano microcosmi di circa 20 attori che davano vita alle circa 120 “Compagnie Italiane di Prosa” che popolavano il territorio nazionale, nel secondo dopoguerra, in una continua migrazione di piazza in piazza.

Da questa suggestione nasce l’idea di un progetto teatrale sulla spedizione dei Mille: un palcoscenico da piazza, una macchina che possa ricordare uno dei vapori della spedizione, una piattaforma con pennoni, sartiame e verricelli da cui issare vele, vessilli, elevare altri elementi o porzioni di pavimento in una continua trasformazione degli ambienti: fortificazioni, luoghi per convegni d’amore, campi di battaglia, ecc….

Note di Regia:

5 maggio 1860, Genova.

Fumaioli, alberi, vele, sartiame, fumo nero.

La Fraternal Compagnia Drammatica del Commendator Vitaliano Lamberti, proveniente da Palermo, sbarca al porto in un marasma di derrate, garibaldini e merci varie.

Carica le proprie masserizie in un andirivieni frenetico e dirige verso Torino con carri, casse, bauli.

Altri carri, casse e bauli dirigono alla volta di Quarto poco distante: Garibaldi è pronto all’imbarco con i Mille.

Spinti da uno slancio patriottico, alcuni componenti abbandonano la Fraternal compagnia e si aggregano alla spedizione.

Tutto bene, solo che nel trambusto generale si giocano le carte della storia: casse di costumi finiscono ai Garibaldini, casse di fucili e camice rosse alla Fraternal compagnia.

Che fare?

L’arte non s’arresta… e di necessità, virtù.

A Torino, sulle tavole di un teatrino da commedia, quattro attrici, un contabile apprendista attore e il capocomico, resti della Fraternal compagnia, daranno corpo e voce alle notizie, “fresche di sangue versato” dei loro colleghi al fronte.

Cronache dell’epopea garibaldina: imprese gloriose e quotidiani affanni, storie d’armi e d’amore, di chi parte e di chi resta.

Il mito della spedizione e la concretezza della necessità in un affresco unitario dalla matrice eterogenea e Popolare.

Commedia: caratteri, voci, cesello di dialetti, suoni e musiche, essenze, tradizioni.

Il potere si trasforma in un teatrino di Maschere che si gioca l’Italia come una partita a risiko: “Io do a te, lui da a me, loro danno a lui, a loro non gli diamo niente”.

Chi farà mai l’Italia? Le camicie rosse, una Commedia in maschera o un lancio di dadi?

La Fraternal Compagnia vive il viaggio verso l’unità, lo intraprende con la responsabilità e la consapevolezza di chi ha il compito, la necessità e l’urgenza di farlo conoscere.

Rappresentazione o realtà? Il confine è labile.

Perché labile, se non illusoria, è la linea di demarcazione tra la Storia e chi la Storia l’ha fatta.

Non la storia dei banchi di scuola, date e confini geografici, ma la storia di un’identità culturale, del senso di comune appartenenza.

Una storia vera, cruda, di sentimenti reali, di parole semplici; per ritrovare un ideale, una bandiera attorno alla quale fare quadrato, difendere un’idea e scoprire, per una volta almeno – e non solo nella necessità – il coraggio di azzardare un pensiero che ci appartenga, non generato dal sistema; ridare dignità ai personaggi, rinforzare la fede di un mito, rinnovarlo nella celebrazione del buono che rimane di allora, che non sia solo un inno cantato male, e per dovere imposto, ai mondiali di calcio.

GaribaldiFufferito è in piena coerenza con il percorso artistico di Santibriganti Teatro: riscoperta, ricerca e innovazione della maschera della Commedia dell’Arte e del Teatro Popolare d’Arte.

Lo spettacolo, dopo le anteprime del 10 ed 11 giugno, approda al debutto nazionale il 30 giugno al festival Asti Teatro 33; seguirà una tournée estiva in spazi aperti.

Ingressi liberi

Informazioni www.santibriganti.it Santibriganti Teatro

tel +39 – 011 – 643038 (dal lun. al ven. ore 10.30-13 14–18)

Teatro Garybaldi +39 – 011 – 19706731

Tecnico Costruzione Scenografie Teatrali e Cinematografiche

 

Notizie dalle sedi

 

Capodopera

Dal 2001 Capodopera, è la rivista d'Arte e Artigianato, nata dalla collaborazione delle Scuole San Carlo con l'Unione ex Allievi e l'Antica Università dei Minusieri ed edita da Nadia Camandona Editore // Info e abbonamenti »

Leggi Capodopera N°33

Leggi l'ultimo numero pubblicato

Capodopera N°33