Blog Scenografia // Decorazione //

info@scuolesancarlo.org Iscriviti ai Feed RSS di Scuole San Carlo

Costruzione di un Robot caldaia su modello dei piccoli robot giocattolo in latta degli anni ’50. Tutto il telaio interno è in scatolati di ferro fissati su un plinto di cemento armato. La parte esterna è in compensato di pioppo verniciato con resine acriliche miste a polveri metalliche mentre la coppola è in polistirolo garzato e papponato. Tutto il manufatto è stato poi rivestito con vernici lucide per esterni con elevata resistenza ai raggi U.V.

Alfio Robot, così chiamato per via della coppola, baffi e stuzzicadenti, si trova attualmente nel prato del nostro centro di Torino.

Costruzione dell’impianto scenografico per lo spettacolo teatrale “Le Baccanti” del Teatro delle Dieci andato in scena a maggio 2008 presso il Teatro Politeama. Il corso per Tecnico Costruzione Scenografie Teatrali e Cinematografiche ha costruito tutte le rocce finte in polistitolo garzato, dipinto e scenografato oltre che al trono-albero del re e le strutture in finto ferro di tamponamento della struttura praticabile in tubi innocenti. Tutti i manufatti sono stati protetti con vernici intumescenti.

In questa galleria di immagini ti presentiamo la realizzazione di quattro tubetti giganti di colore impiegati come sedute e sdraio nel nostro Centro di Formazione di Torino. Partendo da quattro tubetti di tempera spremuti e piegati nelle posizioni desiderate abbiamo iniziato con lo scolpire i blocchi di polistirolo da 35 kg al metro cubo con filo al nichel cromo ed elettrosega. Terminata la sgrossatura siamo passati alla levigatura con orbitali e levigatrici a nastro per poi passare alla garzatura con colla bianca a dispersione, gesso di bologna e garza tarlatana. Seppiato il gesso di bologna abbiamo dunque steso un acrilico metallizzato per il fondo ed applicato gli acrilici colorati per le parti decorate sul tubetto. A ciascun tubetto abbiamo assegnato un volto di un insegnante del corso di Scenografia tranne al colore rosso che è Gabriele Capello, il fondatore della scuola. Le foto trasformate con photoshop sono state trasformate in mascherine in acetato e riprodotte sui tubetti con pennelli da decalco. Terminata anche questa operazione i quattro tubetti sono stati ricoperti con vernici idrorepellenti e collocati in cortile per i momenti di relax degli allievi.

 

Notizie dalle sedi

 

Capodopera

Dal 2001 Capodopera, è la rivista d'Arte e Artigianato, nata dalla collaborazione delle Scuole San Carlo con l'Unione ex Allievi e l'Antica Università dei Minusieri ed edita da Nadia Camandona Editore // Info e abbonamenti »

Leggi Capodopera N°33

Leggi l'ultimo numero pubblicato

Capodopera N°33