Blog Moda // Abbigliamento //

info@scuolesancarlo.org Iscriviti ai Feed RSS di Scuole San Carlo
Slide Slide Slide Slide

ASSOCIAZIONE SCUOLE TECNICHE SAN CARLO – SEDE DI TORINO – VIA PERGOLESI 119 – TEL. 011 2055793.  APERTURA ISCRIZIONI.

Sono aperte le iscrizioni a due brevi corsi “spot” della durata di 20 ore, mirati e molto specifici, modulati sulla base delle vostre richieste. 

Riparazioni sartoriali di base DONNA – UOMO
Confezione del pantalone base DONNA
CALENDARIO CORSO: mercoledi 28 maggio 18.30 – 22.30 mercoledi 4 giugno 18.30 – 22.30 mercoledi 11 giugno 18.30 – 22.30 mercoledi 18 giugno 18.30 – 22.30 mercoledi 25 giugno 18.30 – 22.30

Data l’imminenza del corso, che partirà inderogabilmente il prossimo 28 maggio, chiediamo l’immediata iscrizione (quota d’iscrizione € 20,00) e non potremo tenere in considerazione le preiscrizioni senza pagamento.

Per informazioni, venite a trovarci in via Pergolesi 119, oppure contattate il n° 0112055793 oppure 3481517614 oppure scrivete a torino@scuolesancarlo.org , oppure mandate un messaggio sulla pagina facebook  “Moda Abbigliamento – Scuole San Carlo”.

ASSOCIAZIONE SCUOLE TECNICHE SAN CARLO – SEDE DI TORINO – VIA PERGOLESI 119 – TEL. 011 2055793.  APERTURA ISCRIZIONI.

Sono riaperte le iscrizioni al corso libero di VISUAL MERCHANDISING. PROSSIMA PARTENZA: GENNAIO 2014.

Un tempo veniva chiamato “Vetrinista” e si occupava della parte espositiva dei punti vendita.
Il Visual merchandiser, oggi, è molto di più: crea “un ponte immaginario tra tutti i supporti alla vendita e l’acquisto finale del prodotto”.
Il visual, scenografo del punto vendita, lo trasforma in un luogo emozionale dove la vista, l’udito, l’olfatto sono sollecitati in contemporanea da sensazioni piacevoli, in modo evidente o subliminale.
Il visual del nostro secolo è un esperto di marketing, artista, creativo nel senso che le sue capacità creative dovranno essere a servizio degli obiettivi aziendali.

Il visual merchandiser può operare in tutti i settori merceologici: abbigliamento ed accessori, cosmesi, agenzie dedicate ai servizi promozionali o all’organizzazione di eventi, ma anche all’interno di farmacie o nell’allestimento delle scaffalature nei punti vendita di qualsiasi genere.

Argomenti del corso

  • L’atmosfera del punto vendita
  • I bisogni e gli istinti
  • Dal Concept al Visual Merchandising.
  • Gestione dello spazio e dinamiche di posizione.
  • I tre momenti del visual merchandising.
  • Strutture Espositive
  • Criteri Espositivi
  • Il visual merchandising e la comunicazione esterna del punto vendita

Le iscrizioni sono aperte. Il corso è a pagamento, in fascia oraria tardo pomeriggio/preserale, ed è aperto a tutti. Partenza prevista: gennaio 2014.

Per informazioni su costi e frequenza venite a trovarci o contattate il n° 0112055793 oppure 3481517614 oppure scrivete a torino@scuolesancarlo.org , oppure mandate un messaggio sulla pagina facebook  “Moda Abbigliamento – Scuole San Carlo”.

ASSOCIAZIONE SCUOLE TECNICHE SAN CARLO – SEDE DI TORINO – VIA PERGOLESI 119 – TEL. 011 2055793.  APERTURA ISCRIZIONI.

Sono riaperte le iscrizioni al corso libero di MODELLO  E CONFEZIONE per l’anno formativo 2013/2014, la cui partenza è prevista il prossimo OTTOBRE 2013. 

SFILATA ARTO' NOVEMBRE 2012

SFILATA ARTO' NOVEMBRE 2012

 A seguire, le varie opzioni di scelta tra il primo ed il secondo livello:

 CORSO DI MODELLO E CONFEZIONE – DONNA – 1° LIVELLO – BASE.

CORSO DI MODELLO E CONFEZIONE – DONNA – 2° LIVELLO – INDIRIZZO CAPO SPALLA

 CORSO DI MODELLO E CONFEZIONE – DONNA – 2° LIVELLO- INDIRIZZO ABITI DA SERA/SPOSA

 CORSO DI MODELLO E CONFEZIONE - UOMO – 1° LIVELLO – BASE.

 CORSO DI MODELLO E CONFEZIONE - UOMO – 2° LIVELLO – INDIRIZZO CAMICERIA MASCHILE

CORSO DI MODELLO E CONFEZIONE - UOMO – 2° LIVELLO - INDIRIZZO CAPO SPALLA

Durante l’anno formativo affronteremo l’approccio alla costruzione dei cartamodelli di base con metodo diretto; analizzeremo le regole di piazzamento e giungeremo alla realizzazione totale di capi d’abbigliamento. Nel frattempo, il percorso prevede esercitazioni preliminari nella confezione sia a mano che a macchina, con l’utilizzo di tutte le macchine da cucire attualmente presenti nelle aziende: lineari meccaniche ed elettroniche, macchine tagliacuci, orlatrici, asolatrici ed attaccabottoni. In sostanza l’allievo, durante l’anno formativo, frequentando il 1° livello acquisirà tutte le nozioni di base per la realizzazione di cartamodelli e per la confezione di un capo nella sua interezza; nel secondo livello approfondirà il settore scelto con lo stesso sistema di approccio diretto.

Il corso è a pagamento ed è aperto a tutti, senza limitazioni in merito alla nazionalità nè alla condizione occupazionale.

Per informazioni su costi e frequenza, venite a trovarci o contattate il n° 0112055793 o scrivete a torino@scuolesancarlo.org o sulla pagina facebook “Moda Abbigliamento – Scuole San Carlo”

Lo scorso  20 dicembre 2012 , presso la sede Scuole San Carlo di Asti , in occasione delle feste di Natale, abbiamo organizzato una sfilata di make-up ed acconciature, con l’aiuto di abiti provenienti dalla Collezione Ilda Bianciotto della sede Scuole San Carlo di Torino.

 

Hanno partecipato le allieve del 1° e del 2° anno di “Operatore  del benessere-estetica”, adoperandosi sia come “modelle” che come ”truccatrici”. Lo scopo didattico è stato quello di “raccontare” le mode nel trucco (abiti, accessori) dal 1900 ai giorni nostri.  Ad ogni allieva del 2° anno è stata affiancata un’allieva del 1° anno.

La sfilata è stata presentata con la seguente scaletta:
-1900: è stato privilegiato un trucco naturale con colori caldi e con il disegno del neo finto
-1910: il trucco è caratterizzato da colori scuri. Le sopracciglia sono nere, arrotondate verso il basso, fanno da cornice all’occhio ”triste”; la bocca viene rimpicciolita con l’uso del fondotinta e ricreata, a forma di cuore, con il rosso acceso.
- anni ’20: lo stile è vivace, la carnagione della pelle è chiara, gli occhi sono in evidenza con colori accesi
- anni’30: nasce la donna “vamp”, gli abiti vengono arricchiti da sciarpe di struzzo, guanti neri, lustrini: è famosa la sigaretta con il bocchino. I colori sono il bianco e il nero, in accordo, anche, con le pellicole cinematrografiche del tempo. La carnagione si ripropone chiara, entra in uso l’applicazione di ciglia finte molto lunghe che fanno apparire la donna molto audace.
-anni ’40: con uno stile alla Greta Garbo: in evidenza sono le sopracciglia arrotondate, l’uso di colori che formano ombre; le ciglia finte si applicano ai lati degli occhi per evidenziare l’espressione da “cerbiatta”. Gli zigomi sono molto marcati con rossi o marroni, la bocca è naturale con colori scuri.
-anni ’50, si riferiscono al dopoguerra, ma anche alla famosa Marilyn Monrooe. Le sopracciglia sono accentuate, l’occhio è truccato con importante zona luce, ciglia finte.  Le labbra sono rigorosamente rosse.

- anni ’60: rappresentano un’epoca storica per il make-up; i colori sono sgargianti in accordo con abiti colorati, le labbra di colore salmone-arancione. Gli occhi sono truccati di blu, verde, fucsia. Le sopracciglia al naturale, pettinate verso l’alto.
-1970: proposti con due modelle: l’attenzione è focalizzata soprattutto sugli occhi che sono belli se ingranditi, con colori come nero, marrone, blu o verde, con mascara ed eye-liner colorati e usati anche sulle ciglia inferiori.
-1980: lo stile è esuberante, con trucco molto evidente in cui sono ancora molto in risalto gli occhi; le labbra sono lucenti.
-1990: i colori sono accesi e vivaci, è l’epoca in cui tutto è concesso!!
-2000: make-up attuale: l’occhio è truccato con linee evidenti e ausilio di brillantini. Le labbra sono ben definite soprattutto nel contorno.

E’ stata un’esperienza stupenda per tutti. Potete trovare altre foto pubblicate sulla pagina facebook  “Moda Abbigliamento – Scuole San Carlo”.

Che cos’è un “cool hunter”, letteralmente “cacciatore di tendenze?  

I cool hunters osservano e documentano i nuovi trends che emergono dalla strada, viaggiano, captano le caratteristiche di quel paese o di quella città all’avanguardia o che hanno probabilità di affermarsi a livello globale e quindi diventare moda.  Così, aiutano le aziende di design, comunicazione, distribuzione e cosmesi a capire se la direzione stilistica, la tendenza appunto, verso la quale si stanno muovendo è quella giusta oppure no.

Come lavora il cool hunter?
Armato di macchina fotografica e block notes, lavora raccogliendo fotografie, volantini, programmi di mostre e concerti, gadget, frequentando teatri e gallerie, interessandosi di arte, setacciando strade e locali alla ricerca di genuina creatività. Il metodo di ricerca è “partire dal centro e andare verso la periferia”, dai posti più noti e trendy verso locali, mercatini, quartieri più defilati ma frequentati da gente “ricca culturalmente”, etnie diverse, artisti, architetti e tutte quelle persone che hanno a che fare con l’arte e dai quali possono emergere nuove e interessanti tendenze. Ma, oltre al metodo, servono qualità innate come la curiosità e l’istinto, oltre ad una infinita capacità di osservare senza pregiudizi.

Quella del “cool hunter” è una professionalità nata per caso alla fine degli anni ’90, che negli ultimi dieci anni si è delineata ed osserva codici di lavoro molto precisi. Nata nei settori della moda e della pubblicità, oggi si articola notevolmente e può essere spesa a 360°.

Il corso si articola in un itinerario in cui oltre tutta la parte teorica esiste una parte ovviamente pratica in cui gli allievi, divisi in gruppo o singolarmente, si esercitano in diversi casi studio.

Argomenti del corso:

  • Storia della moda e del costume
  • Editoria e Advertising
  • Antropologia e sociologia dei consumi
  • Ricerche di mercato tramite internet e presentazione dei risultati.
  • Tecniche di ricerca e analisi nuove tendenze.
  • Estetica del prodotto.
  • Progettualità, comunicazione.
  • Ricerche di mercato e visione strategica.

Le iscrizioni sono aperte. Il corso è a pagamento, in fascia oraria preserale, ed è aperto a tutti. Partenza prevista: marzo 2013.

Per informazioni su costi e frequenza venite a trovarci o contattate il n° 0112055793, oppure scrivete a info@scuolesancarlo.org , oppure mandate un messaggio sulla pagina facebook  “Moda Abbigliamento – Scuole San Carlo”.

Un tempo veniva chiamato “Vetrinista” e si occupava della parte espositiva dei punti vendita.
Il Visual merchandiser, oggi, è molto di più: crea “un ponte immaginario tra tutti i supporti alla vendita e l’acquisto finale del prodotto”.
Il visual, scenografo del punto vendita, lo trasforma in un luogo emozionale dove la vista, l’udito, l’olfatto sono sollecitati in contemporanea da sensazioni piacevoli, in modo evidente o subliminale.
Il visual del nostro secolo è un esperto di marketing, artista, creativo nel senso che le sue capacità creative dovranno essere a servizio degli obiettivi aziendali.

Il visual merchandiser può operare nei settori più disparati: abbigliamento ed accessori, cosmesi, agenzie dedicate ai servizi promozionali o all’organizzazione di eventi, ma anche all’interno di farmacie o nell’allestimento delle scaffalature nei punti vendita di qualsiasi genere.

Argomenti del corso

  • L’atmosfera del punto vendita 
  • I bisogni e gli istinti
  • Dal Concept al Visual Merchandising.
  • Gestione dello spazio e dinamiche di posizione.
  • I tre momenti del visual merchandising. 
  • Strutture Espositive
  • Criteri Espositivi
  • Il visual merchandising e la comunicazione esterna del punto vendita

Le iscrizioni sono aperte. Il corso è a pagamento, in fascia oraria preserale, ed è aperto a tutti. Partenza prevista: marzo 2013.

Per informazioni su costi e frequenza venite a trovarci o contattate il n° 0112055793, oppure scrivete a info@scuolesancarlo.org , oppure mandate un messaggio sulla pagina facebook  “Moda Abbigliamento – Scuole San Carlo”.

L’Associazione Scuole Tecniche San Carlo ha partecipato al Salone delle nuove eccellenze artigiane “ ARTO’ ” , svoltosi a Torino nei Padiglioni di Lingotto Fiere nei giorni 9-11 Novembre, con molti laboratori che hanno coinvolto sia allievi delle scuole medie e superiori di Torino che i visitatori del Salone.

Nell’ambito della manifestazione nella serata di sabato si è avuto inoltre modo di ammirare parte della collezione di Ilda Bianciotto, che per cinquant’anni ha rappresentato l’eccellenza della Moda a Torino, dando vita ad una Scuola di Alta Sartoria che ha prodotto in mezzo secolo oltre 7.000 abiti, frutto della creatività dei propri studenti, che ogni anno venivano presentati in una grande sfilata al teatro Alfieri di Torino.

Ilda Bianciotto, fondatrice dell’omonimo Istituto di Arte e Moda ha poi donato, nel 2002, tutto il know how del suo Istituto, l’immenso archivio bibliografico e 700 abiti della propria collezione all’Associazione Scuole Tecniche San Carlo, che continua ancora oggi a portare avanti la tradizione.

Nella grande sfilata presentata da Elia Tarantino hanno sfilato ben 83 capi: 23 sono frutto del lavoro degli allievi attuali delle Scuole Tecniche San Carlo e sono stati indossati dagli stessi studenti, che hanno sfilato su una passerella realizzata ad hoc all’interno del Padiglione 5.

Potete trovare tutte le foto della sfilata sulla pagina facebook Moda Abbigliamento – Scuole San Carlo.

L’emittente televisiva Primantenna sabato 24 Novembre alle 19.45 nell’ambito del programma ‘Mosaico’ trasmetterà un servizio dedicato alla sfilata degli abiti.

ASSOCIAZIONE SCUOLE TECNICHE SAN CARLO – SEDE DI TORINO – VIA PERGOLESI 119 – TEL. 011 2055793
PROVE DI SELEZIONE PER I CANDIDATI PREISCRITTI AL CORSO “STILISTA”.
LUNEDI 15 OTTOBRE 2012
ORE 13.30 – 14.30 TEST INFORMATICA
ORE 14.30 – 17.30 PROVA GRAFICA (proposta su figurino + piatto tecnico)
Materiali utili: posa base personale, matite, pennarelli pantone, tutto ciò che usate normalmente per disegnare.
I fogli saranno consegnati a scuola.
Durante il pomeriggio, sarà fissato individualmente un appuntamento per il colloquio.

ASSOCIAZIONE SCUOLE TECNICHE SAN CARLO – SEDE DI TORINO – VIA PERGOLESI 119 – TEL. 011 2055793

SFILATA 6 GIUGNO 2012

Sono riaperte le iscrizioni al corso libero di Modello e Confezione per l’anno formativo 2012/2013, la cui partenza è prevista il prossimo ottobre 2012. Con l’intento di favorire tutti coloro che vogliono imparare a creare capi d’abbigliamento in totale autonomia partendo da zero, si continua!  A seguire, le varie opzioni di scelta tra il primo ed il secondo livello:

 CORSO DI MODELLO E CONFEZIONE 1° LIVELLO – BASE.

 CORSI DI MODELLO E CONFEZIONE 2° LIVELLO:

- INDIRIZZO CAPO SPALLA FEMMINILE

 - INDIRIZZO COSTRUZIONI KIMONO/RAGLAN

 - INDIRIZZO ABITI DA SERA/SPOSA

 - INDIRIZZO CAMICERIA MASCHILE

 - INDIRIZZO ABBIGLIAMENTO MASCHILE

Durante l’anno formativo affronteremo l’approccio alla costruzione dei cartamodelli di base con metodo diretto; analizzeremo le regole di piazzamento e giungeremo alla realizzazione totale di capi d’abbigliamento. Nel frattempo, il percorso prevede esercitazioni preliminari nella confezione sia a mano che a macchina, con l’utilizzo di tutte le macchine da cucire attualmente presenti nelle aziende: lineari meccaniche ed elettroniche, macchine tagliacuci, orlatrici, asolatrici ed attaccabottoni. In sostanza l’allievo, durante l’anno formativo, frequentando il 1° livello acquisirà tutte le nozioni di base per la realizzazione di cartamodelli e per la confezione di un capo nella sua interezza; nel secondo livello approfondirà il settore scelto con lo stesso sistema di approccio diretto.

Il corso è a pagamento ed è aperto a tutti, senza limitazioni in merito alla nazionalità nè alla condizione occupazionale. Per informazioni su costi e frequenza, venite a trovarci o contattate il n° 0112055793 o scrivere a info@scuolesancarlo.org o sulla pagina facebook “Moda Abbigliamento – Scuole San Carlo”

ASSOCIAZIONE SCUOLE TECNICHE SAN CARLO 

SEDE DI TORINO - C.F.P. G. CAPELLO - VIA PERGOLESI 119 – tel. 011 2055793.

Sono aperte le preiscrizioni, anche on line, al corso STILISTA  per il prossimo anno formativo 2012/2013.

Collezione A/I 12/13

Collezione A/I 12/13

Il corso, diurno, gratuito previa approvazione del finanziamento da parte della Provincia di Torino, è rivolto a maggiorenni disoccupati muniti di diploma superiore o di qualifica di settore.

SE SEI AUTODIDATTA, ovvero se non hai un diploma o qualifica di settore ma, ad esempio, un liceo artistico, scientifico o altro,  contattami: ti posso consigliare qualche testo di riferimento per fare esercizio durante l’estate ed addentrarti nel settore preparandoti alla selezione ed al corso stesso. Essendo una specializzazione, infatti, iniziamo subito a lavorare davvero!

Durante il corso, infatti, lavoriamo esattamente con i tempi ed i modi di un ufficio stile che progetta un ready to wear programmato, con cenni a tutto il resto dell’universo moda, dai p.a p. di lusso all’Alta Moda, dal pronto ai flash interstagionali…

Se hai dubbi o domande, contattaci telefonicamente o vieni a trovarci. Importante: sulla preiscrizione scrivi il tuo numero di cellulare e la tua mail. Grazie ed a presto!

 

Notizie dalle sedi

 

Capodopera

Dal 2001 Capodopera, è la rivista d'Arte e Artigianato, nata dalla collaborazione delle Scuole San Carlo con l'Unione ex Allievi e l'Antica Università dei Minusieri ed edita da Nadia Camandona Editore // Info e abbonamenti »

Leggi Capodopera N°33

Leggi l'ultimo numero pubblicato

Capodopera N°33